La partecipazione è l'anima della democrazia

La partecipazione è l'anima della democrazia

Modica: Capitolazione della cultura 2022

Dispiace apprendere dell’esclusione di Modica dalla selezione per la proclamazione a capitale della Cultura ma non ci stupiamo più di tanto. Al di là dell’impegno - certamente lodevole - delle persone incaricate di redigere il progetto per la partecipazione alla selezione, non ci risulta che l’amministrazione in carica possa inserire tra i meriti della sua azione amministrativa una costante attività di promozione della Cultura a Modica. Quello che latita, ma anche in altri campi, è proprio un progetto, una visione di Modica proiettata nel futuro e la relativa programmazione. Si assiste invece a un procedere a pezze e rattoppe: un manto di asfalto ma non un progetto di viabilità, la posa di una statua ma non la visione architettonica (intesa come visione d’insieme dello spazio e di un progetto del suo utilizzo che vada ben oltre la collocazione di quattro sedie e tavolini di bar) del luogo dove viene collocata, una scerbatura ma non un piano di verde pubblico. E’ un amministrare alla giornata, non un governo politico della città proiettato alla creazione del suo futuro. A questo si affianca, come un “fil rouge” sotterraneo ma ben presente, il motivo della prima campagna elettorale dell’attuale sindaco: l’essere “Ignazio uno” ossia solo, senza alcun legame, volutamente respinto, con le altre realtà locali. Non ci voleva molto a collegarsi con Scicli e presentare un progetto unitario che avrebbe avuto maggiori possibilità di successo in un competizione obiettivamente difficile: solo un pizzico di lungimiranza e una minore dose di egocentrismo. Modica con questa amministrazione è isolata dal resto del mondo, vive la sua autarchia sperando di primeggiare in una società che diventa invece sempre più interconnessa e che la condanna a rimanere indietro e ormai non più punto di riferimento per i comuni del sud est. Sappiamo che l’amministrazione proverà a competere per le prossime selezioni di capitale della cultura ma senza una radicale inversione di rotta nella mentalità degli attuali governanti, temiamo, con sincero rammarico, di conoscere già il risultato. Partito Democratico di Modica