La partecipazione è l'anima della democrazia

Democraziamo insieme

La partecipazione è l'anima della democrazia

Democraziamo insieme

La resa dei Conti

Tra circa dieci giorni scade il termine imposto al Comune di Modica da parte della Corte dei conti per rispondere a un’ampia serie di richieste di chiarimenti e integrazioni necessarie per l’approvazione del piano di riequilibrio del nostro ente locale. Vogliamo evitare il banale “noi ve l’avevamo detto” e quindi non intendiamo in questa sede riprendere le richieste avanzate della Corte al Comune (pare che gli abbia affidato una vera e propria “mission impossible”) perché sarebbe un ripercorrere tutte le osservazioni che sia come partito che, come gruppo consiliare, - la nostra capo gruppo Ivana Castello in testa - hanno mosso nel tempo a questa amministrazione. “Domandare è lecito, rispondere è cortesia” ebbe a dire a suo tempo l’assessore al bilancio (già ex revisore dei conti del Comune) alla nostra capogruppo in una infuocata seduto di consiglio comunale dove si chiedeva conto e ragione, appunto, dell’allegra gestione dei conti. Adesso rispondere è obbligatorio. Considerato che le sorti del piano di riequilibrio non riguardano solo una parte politica ma investono gli interessi dell’intera città, auspichiamo che l’amministrazione riesca nell’impresa. Tuttavia, prendiamo atto dell’assoluto silenzio sulla vicenda da parte dell’amministrazione. Alla luce delle legittime preoccupazioni dei cittadini sulle sorti del piano di riequilibrio che crescono sempre di più leggendo tutti gli approfondimenti sull’argomento fatti dalla stampa locale, ci si aspetterebbe che sindaco o il suo assessore dicano pubblicamente che non vi è alcun problema, che si sta provvedendo a quanto richiesto dalla Corte con solerzia e con dovizia di dati precisi e concordanti e che tutto andrà nel migliore dei modi perché, come sempre da loro sostenuto, i bilanci finanziari dell’amministrazione Abbate sono sempre stati eccellenti. E invece dalle parti di palazzo S. Domenico tutto tace. Forse è l’unica cosa che gli rimane da fare: raccogliersi in religioso silenzio sperando che accada il miracolo e arrivi la grazia. Attendiamo...

Ezio Castrusini

Partito Democratico Circolo di Modica