La partecipazione è l'anima della democrazia

Democraziamo insieme

La partecipazione è l'anima della democrazia

Democraziamo insieme


Regalati la democrazia nella tua città 

IT 05 P 05036 84482 CC 0191172024

Info@pdmodica.it

Da noi il protagonista sei tu

https://tesseramento.partitodemocratico.it/


Quello che le apparenze non dicono

alla cittadinanza, perché è giusto sapere...Leggi tutto

EVITIAMO LE PRESE IN GIRO


Leggere che le criticità del Pronto Soccorso dell’Ospedale ‘Maggiore di Modica’ si sono risolte, come da recente dichiarazione del Sindaco Abbate, ci sembra non solo una presa in giro ma anche un’offesa nei confronti dei tantissimi pazienti che si sono finora trovati a fare file e attese interminabili, subendo disagi e disservizi che ormai tutti conosciamo. Abbate, al solito, prova a far credere ai cittadini che con un tocco di magia sono state superate tutte le difficoltà che i vertici dell’Asp, nonostante la loro competenza, non sono riusciti ancora a risolvere.Leggi tutto

Cordoglio

Maltempo a Modica, il nostro cordoglio alle vittime del disastro....Leggi qui

Loculescion

Nei giorni passati avevamo invitato l’Amministrazione comunale a riunire attorno a un tavolo i rappresentanti delle edicole cimiteriali chiuse perché “messe in sicurezza” nonché le forze politiche presenti in consiglio comunale per trovare una soluzione condivisa che risolvesse una volta per tutte il problema dell’impossibilità per i cittadini di poter visitare i loro cari defunti. Apprendiamo che l’Amministrazione, in occasione della Commemorazione dei defunti, ha preferito “tirare a campare” disponendo la riapertura per pochi giorni delle edicole chiuse perché insicure fatta eccezione per quella del “G. Di Vittorio”. ..Leggi tutto

Finché Loculo non ci separi

Ogni anno arriva la commemorazione dei defunti e per il cimitero di Modica diventa sempre più grave l’annoso problema della inagibilità di diverse edicole di confraternite e dell’avanzato degrado di altre.

La manutenzione spetta per legge ai proprietari o alle confraternite esattamente come ai condomini per civili abitazioni; il Comune può intervenire per delimitare le zone di pericolo e intimare ai proprietari la messa in sicurezza procedendo, in caso di mancato assolvimento dell’obbligo, “in danno” ossia ingiungendo agli inadempienti i costi dei lavori necessari......leggi tutto

 

Proprietà transattive

Interrogazione urgente della consigliera Ivana Castello su un debito fuori bilancio

Leggi tutto......

Interrogazione di Ivana Castello

Mitt. Ivana Castello Consigliere comunale del PD Egregio Sindaco Ignazio Abbate Sua sede in piazza principe di Napoli 97015 Modica (RG) OGGETTO: Decreto legge n. 73/2021, art. 52, comma 1. Misure di sostegno all'equilibrio di bilancio degli enti locali: interrogazione urgente. Le sono certamente note le vicende che hanno riguardato e riguardano l’impiego degli strumenti di riequilibrio finanziario a favore degli enti locali. Mi riferisco alle somme che a suo tempo furono erogate dallo Stato mediante l’articolo 1, comma 13, del decreto legge n. 35/2013 (Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione e per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali) e ex Decreto legge 19 maggio 2020 n. 34. In virtù di tali decreti il Comune di Modica ha avuto assegnati 64 milioni nel 2013 e 44 milioni di euro nel 2020. Non mi dilungo nei dettagli, ma si trattava di somme chieste in base a due precise masse debitorie del nostro Comune. Andavano, dunque, impiegate per supplire alle relative carenze di liquidità. In breve: innanzi ad una specifica massa debitoria e alla mancanza di liquidità da parte delle Amministrazioni, fu istituito, presso il Ministero dell'interno, un Fondo per andare incontro agli enti territoriali che soffrivano o, con riferimento al presente, soffrono, di cronica mancanza di liquidità. In quelle condizioni era indiscutibile intervenire. ....Leggi tutto

Allarme randagismo

Leggiamo di un branco di cani randagi che oltre ad aggirarsi indisturbato nelle campagne di Scicli crea dei danni agli allevatori locali in quanto aggredisce le loro greggi. Pare che non abbiano avuto alcun esito le segnalazioni fatte agli organi competenti. Leggi tutto..

De Amicis come prima

La notizia della previsione di sole tre classi prime per 89 alunni alla scuola secondaria di primo grado “De Amicis” di Modica Alta non è affatto piacevole. Confidiamo sulla richiesta da parte del dirigente scolastico dell’applicazione della normativa vigente in materia di misure di contrasto al Covid e che quindi si arriverà allo sdoppiamento delle classi evitando l’effetto “pollaio”....Continua...

I scecchi abbolunu

A Modica AUMENTA ancora la tassa sui RIFIUTI. L’operosità dei modicani nel raggiungere una percentuale superiore al 60% di raccolta differenziata è stata premiata con il primato delle TASSE più ALTE della Sicilia.

IGM ATTO III

interrogazione urgente della consigliera Castello sull'ennesimo mancato pagamento stipendiale degli operatori ecologici modicani.

qui di seguito l'intero testo........leggi tutto

Saldi di fine stagione

Da oggi a Modica i certificati anagrafici possono essere richiesti anche dal tabaccaio al “modico” prezzo di due euro. Bene, ottima iniziativa: molte persone che non possono per diversi motivi recarsi al comune, tra un gratta e vinci e un biglietto della lotteria potranno accedere ai servizi dell’anagrafe comunale. D’altronde, appare ovvio che nella città dove si pagano le più alte imposte e tariffe della Sicilia, e forse dell’Italia, anche questi servizi vengano delegati ai privati, aggiungendo ulteriori costi alle economie familiari...Leggi tutto

Paura eh?

La Castello, dopo l’ennesima e intollerabile arroganza di questa amministrazione e maggioranza, si rivolge alla Procura della Repubblica. Nell’ultimo consiglio comunale di Modica si è consumata l’ennesima prepotenza e arroganza della maggioranza consiliare, e della loro presidente, che, evidentemente, ha una sproporzionata paura della democrazia e della discussione politica. Alla Consigliera Castello, per soli 7 minuti di ritardo, è stato impedito di discutere due interrogazioni consiliari che trattavano , oltretutto, due argomenti importanti: un debito verso la banca IFIS e le problematiche riguardanti il personale dell’igiene Urbana che rivendica il ritardo di DUE MESI, non gli intollerabili sette minuti per intenderci, dei pagamenti stipendiali. Ebbene sì, prendiamo atto che questa amministrazione e i suoi accoliti non tollerano assolutamente i ritardi e questo ci fa ben sperare per i fornitori, le aziende, le banche, i lavoratori, i comuni, le finanziarie, le cooperative, lo Stato, la cdp e tutti coloro che almeno una volta hanno avuto a che fare economicamente con il comune di Modica e che ancora aspettano di essere rimborsati degli oltre CENTO MILIONI di EURO dei loro crediti.

Blututt

Entrerà in vigore il 14 giugno il nuovo editto emesso dal sindaco: per chi utilizza gli stalli con strisce blu viene reintrodotto il tempo di tolleranza di dieci minuti estensibili a trenta per i disabili e la possibilità per i residenti del centro storico, non proprietari di box auto, di stipulare un abbonamento dal costo mensile di 50 euro. Sembrerebbe un passo indietro da parte del sindaco dopo le proteste di tutti i cittadini ma di fatto non lo è perché gli stalli a strisce blu non diminuiscono di numero e nulla si dice sull’apertura del parcheggio di viale Medaglie d’Oro o sui bus navetta. Continua..

Se amate la città, dimettetevi.

Qualche mese fa commentavano le dimissioni del consigliere Poidomani e di quanto fosse diventato superfluo svolgere l’attività di consigliere comunale a Modica. Una figura, quella del consigliere, sminuita enormemente dalle leggi dello Stato e resa prepotentemente inutile dall’attuale sindaco. Restiamo convinti che nel nostro paese la lotta democratica abbia un valore fondamentale e crediamo che anche a Modica debba essere così. Il voto dei cittadini nelle ultime elezioni comunali ha dotato l’attuale amministrazione di una maggioranza plebiscitaria in seno al consiglio e ha posto ai margini l’attività politica delle minoranze. .continua

Museo alla mercé/dari

L’aver aperto il Museo delle Arti e tradizioni Popolari è senz’altro un evento positivo per la città. Tuttavia, rimangono in vita tutte le problematiche che abbiamo denunciato sulla legittimità della delibera di giunta n. 151 che a oggi non è stata revocata. Il passo indietro della prof. Dormiente sulla durata del suo incarico, passato da “a vita” a un anno e l’averlo qualificato “onorario” (inteso come sinonimo di gratuità dello stesso), non equivale, infatti, a una perdita di efficacia o validità della citata delibera. Anzi si rimane ancora nel suo ambito di applicazione perché la scelta di limitare ad un anno la durata dell’incarico è della dr.ssa Dormiente e non dell’Amministrazione. Leggi tutto

Richiesta convocazione consiglio comunale

I consiglieri di opposizione chiedono la convocazione del Consiglio comunale per discutere sulla situazione finanziaria del comune a seguito della richiesta di chiarimenti da parte dellla Corte dei Conti....Qui di seguito i punti

Soddisfatti a metà

Apprendiamo con soddisfazione che la professoressa Dormiente ha fatto un passo indietro circa la sua nomina a vita come presidente del museo Amabile Serafino Guastella di Modica. Non avevamo nessun dubbio circa l’onestà intellettuale della professoressa e la nostra incredulità su questa faccenda era direttamente proporzionale alla sua nomea....Leggi tutto

La resa dei Conti

Tra circa dieci giorni scade il termine imposto al Comune di Modica da parte della Corte dei conti per rispondere a un’ampia serie di richieste di chiarimenti e integrazioni necessarie per l’approvazione del piano di riequilibrio del nostro ente locale. Vogliamo evitare il banale “noi ve l’avevamo detto” e quindi non intendiamo in questa sede riprendere le richieste avanzate della Corte al Comune (pare che gli abbia affidato una vera e propria “mission impossible”) perché sarebbe un ripercorrere tutte le osservazioni che sia come partito che, come gruppo consiliare, - la nostra capo gruppo Ivana Castello in testa - hanno mosso nel tempo a questa amministrazione. Leggi di più

Nel blu dipinto di blu

Con atto del 10/04/2019 veniva indetta una gara d’appalto per la “Concessione del servizio per la gestione delle aree pubbliche destinate alla sosta a pagamento di veicoli ubicate nel territorio del comune di Modica e nel parcheggio multipiano di viale Medaglie d’oro”. Erano previsti n. 609 stalli a raso nel territorio del Comune più 40 stagionali a Marina di Modica. A questi si aggiungevano n. 205 stalli nel parcheggio di Viale Medaglie d’Oro. Al punto 3.4 del bando si legge l’obbligo per l’aggiudicatario dell’appalto di effettuare tutte le opere necessarie per la messa in funzione del parcheggio di Viale Medaglie d’Oro essendo previsto al punto 6 il sopralluogo obbligatorio degli interessati al bando per avere esatta cognizione degli obblighi cui sarebbero andati incontro.....Leggi tutto...

Leggi gli allegati

1921- 2021 cent'anni dall'eccidio che sconvolse Modica

Cento anni fa si consumava l’eccidio di Passogatta. Cento anni fa la violenza fascista si mostrava anche a Modica in tutti i suoi aspetti criminali che la contraddistinsero nel ventennio successivo, trasformando la lotta politica, a volte dura e aspra, in lotta armata e assassina. Il Partito Democratico di Modica ricorda l’eccidio di Passogatta affinché il ricordo della violenza squadrista possa essere un monito contro tutte le dittature, fasciste o comuniste che siano, che opprimono la libertà e i diritti dei popoli.

Comunicato stampa unitario Pd - SI

Nel tentativo di rispondere a quanti ad aprile hanno denunciato il ruolo inconcludente avuto dal Sindaco in occasione delle opere da inserire nell’elenco per il Recovery Plan elaborato dal Libero Consorzio di Ragusa, Abbate rimedia un’altra clamorosa smentita. Infatti, con un comunicato del 24 maggio, Abbate annuncia di avere approvato un elenco di opere per le quali il Comune di Modica ha chiesto ufficialmente di poter beneficiare dei 10 milioni di euro previsti dal Recovery Plan. Leggendo però la delibera di Giunta, contenente l’elenco delle opere citate nel comunicato, ci si rende conto che il Recovery Plan non c’entra niente e che si tratta invece di una richiesta di finanziamento di lavori per la rigenerazione urbana, prevista da una apposita normativa, a carico del bilancio dello Stato il cui bando scade il 4 giugno. Non è la prima volta che Abbate tenta inutilmente di veicolare messaggi propagandistici per nascondere la responsabilità di avere fatto perdere importanti occasioni storiche per la nostra città. Ricordiamo come nell’agosto del 2017 annunciò la decisione della candidatura di Modica a Capitale italiana della Cultura 2020, quando il bando di partecipazione era già scaduto il 31 maggio. Riconfermiamo come sul Recovery Plan è stato invece riconosciuto il ruolo dei comuni a noi vicini, come ad esempio Ragusa con ben sette progetti o Vittoria con quattro progetti, mentre per Modica l’unico progetto serio, che Abbate continua ad ignorare, è quello riguardante la ristrutturazione di Palazzo Floridia. Purtroppo per la nostra città quando si farà il bilancio di questi anni di amministrazione Abbate ci accorgeremo delle tante opere incompiute sempre più incompiute e di innumerevoli occasioni mancate per preziosi finanziamenti.

Modica, 26 maggio 2021

Sinistra Italiana Partito Democratico

Rifiutiamo

Innanzi tutto vogliamo esprimere la nostra piena solidarietà agli operatori della IGM costretti per l’ennesima volta allo sciopero per rivendicare i loro sacrosanti diritti a una amministrazione dei bilanci finanziari eccellenti sul piano teorico e disastrosi sul piano del pagamento del dovuto. Sono diverse le cause che creano gli accumuli di rifiuti che in questi giorni si vedono in giro per Modica. Oltre alla saturazione delle discariche e ai guasti del sistema di trattamenti dei rifiuti che comportano un rallentamento o blocco della raccolta, non possiamo esimerci dal rilevare l’inciviltà di alcuni nostri concittadini che continuando a depositare la loro immondizia sui cumuli già esistenti ritengono così di essere più furbi di quelli che per rispetto delle regole la trattengono a casa...Leggi tutto

S. A . Guastella, replica al sindaco

Prendiamo atto della replica del sindaco alle rimostranze sulla vicenda della nomina a vita del direttore del Museo di Palazzo dei Mercenari. In sintesi, il primo cittadino sostiene che essendo la “S.A.Guastella” una associazione privata, questa può decidere in assoluta autonomia come meglio crede e quindi, nel passaggio dei suoi beni al Comune, può imporre la clausola del mantenimento a vita della carica di direttore del Museo al suo presidente. ...leggi tutto

Democrazia Dormiente

Se vogliamo riassumere l’operato dell'attuale sindaco in questi otto anni di amministrazione lo possiamo sintetizzare in una sola frase “io so io e voi non siete un cazzo”.

A Modica, ormai da tempo, mancano le regole fondamentali, i principi cardini, della democrazia. Da tempo denunciamo una politica fai da te dell’attuale sindaco e da tempo prendiamo atto che la coscienza critica di questa città, di solito relegata alle personalità di cultura e della scienza, non esiste più anzi, spesse volte, va a braccetto con il potere.

La delibera n. 151 del 17 maggio, dove si evince la nomina a “vita” della professoressa Dormiente a direttrice del museo delle arti e delle tradizioni popolari “Serafino Amabile Guastella”, raggiunge il culmine della spregiudicatezza, e noi diremmo della sfrontatezza, dell’attuale amministrazione....Leggi tutto

Bolletta pazza reload

  Al Presidente del consiglio comunale di Modica

Al sig. Sindaco del comune di Modica

Agli organi di stampa

Interrogazione consiliare a risposta scritta

Con riferimento alle bollette idriche diversi cittadini continuano a segnalare di non riuscire a mettersi in contatto con il personale dell’ufficio idrico. E’ possibile che tale problema, nell’attesa di avere i dovuti chiarimenti, possa indurre i cittadini a non pagare le bollette e/o spingerli a ricorrere alle autorità giudiziarie per ottenere il giusto riconoscimento delle loro ragioni con probabili conseguenze negative per le casse comunali. Con la presente si chiede all’amministrazione comunale, nella persona del Sindaco, se non sia opportuno sospendere i pagamenti fino alla riapertura al pubblico dell’ufficio competente permettendo quindi ai cittadini di chiedere legittimamente le dovute spiegazioni per bollette con importi di dubbia correttezza. Confido in una celere risposta scritta. Modica, 08.05.2021

Il Consigliere comunale PD Modica

Giovanni Spadaro

Il nostro contributo al vademecum del segretario Letta

Anche il partito democratico di Modica ha voluto contribuire con le proprie considerazioni e proposte  al nuovo percorso del segretario Letta

Vademecum PD ...leggi le nostre proposte

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

Interrogazione della consigliera Ivana Castello in cui si chiede a chi vanno i nostri soldi, perché i debiti non vengono pagati tutti, a cosa servono le somme non spese?.Leggi tutto..

Bollette idriche ai tempi del covid

Al Presidente del consiglio comunale di Modica

Al sig. Sindaco del comune di Modica

Agli organi di stampa

Interrogazione consiliare a risposta scritta

Sono stato contattato da parecchi cittadini che si sono visti recapitare per l’ennesima volta delle bollette idriche con importi errati perché segnanti consumi ben oltre quelli effettivi..Leggi di più

Interrogazione della Castello sul debito Enel

Debito Enel. Interrogazione consiliare

Comunicato stampa unitario PD - SI. Palazzo Florida non sarà venduto

 Grazie alla pressione dell’opinione pubblica modicana e provinciale sulla possibilità che l’edificio che diede i natali al famoso Maestro Pietro Floridia potesse passare ai privati, alla denuncia pubblica di Sinistra Italiana, all’iniziativa del 7 marzo dell’Associazione Guide Turistiche di Ragusa e alla forte interlocuzione del Partito Democratico, il Commissario Straordinario del Libero Consorzio, che ringraziamo per la sensibilità dimostrata, ha rassicurato stamattina l’on.le Di Pasquale, su segnalazione del consigliere Giovanni Spadaro, che l’edificio rimarrà in mano pubblica e verrà ripreso il progetto di ristrutturazione a suo tempo proposto dall’allora Provincia Regionale di Ragusa. Riteniamo questo impegno un ottimo risultato per la città di Modica e in particolare per Modica Alta; si apre la possibilità reale che il Palazzo possa diventare un polo di attrazione culturale aperto alla fruizione dei cittadini e dei turisti. Occorre cogliere l’occasione per incrementare l’impegno affinché Modica Alta possa riappropriarsi di palazzi e siti storici, ancora oggi chiusi per interminabili lavori sospesi da anni e per i quali non si fa un solo passo avanti: Palazzo Denaro Papa, l’Albergo dei Poveri, Palazzo Polara, il Castello dei Conti, solo per fare qualche esempio. In questa vicenda, caratterizzata dalla legittima reazione dei nostri cittadini, abbiamo assistito però al silenzio assoluto di Abbate e della sua amministrazione, tanto solerte a difesa, giustamente, di Casa Quasimodo per la paventata vendita e tanto inerte sulla ormai decisa vendita di Palazzo Floridia; non ci siamo rassegnati e ci siamo sostituiti al Comune di Modica nel rivendicare una scelta che riteniamo giusta e di prospettiva per la nostra città.

Modica, 17 marzo 2021

PARTITO DEMOCRATICO Modica

SINISTRA ITALIANA Modica

Riusciranno i nostri eroi a perdere anche questo finanziamento?

Il decreto attuativo della legge di bilancio che consente ai comuni di presentare entro 90 giorni al Ministero dell’Interno dei progetti di riqualificazione del proprio territorio rappresenta un’occasione imperdibile per la nostra comunità cittadina. Si tratta di milioni di euro che possono essere utilizzati per finanziare opere pubbliche, nuove o già in itinere, per il decoro urbano con la manutenzione e il riuso di aree pubbliche ed edifici esistenti nonché per investire sulla mobilità sostenibile. Sappiamo di essere amministrati da una squadra che ha già perso parecchie partite di finanziamenti a causa del suo approccio a dir poco “disinvolto” alla questione finanziaria dell’ente, auspichiamo che almeno questa volta cambi rotta e decida di lavorare seriamente per il futuro della città. ​​​​​​​​

Partito Democratico

​​​​​​​​Circolo di Modica

Casa Quasimodo

Il circolo di Modica apprezza il tempestivo intervento dell’on. Di Pasquale sulla vicenda della vendita della casa natia di Salvatore Quasimodo. Il solo diritto di prelazione della Regione Siciliana, non accompagnato dalla necessaria copertura finanziaria rischia di essere lettera morta. Se il sub emendamento presentato dal deputato del Pd, come opportuno, verrà approvato, la Regione sarà nelle condizioni di acquisire l’immobile e di permettere quindi che questo resti nella disponibilità della comunità modicana ben potendo la cooperativa Proserpina (coma da previsione del sub emendamento) continuare la sua attività di gestione del museo ivi presente. Adesso spetta alla maggioranza di governo della Regione dare un concreto segno di vicinanza agli interessi della città di Modica appoggiando l’emendamento o, se esistenti, trovare altre soluzioni che comportino l’acquisizione dell’immobile al patrimonio pubblico. Auspichiamo che anche l’amministrazione comunale attualmente in carica batta un colpo e impedisca che una preziosa risorsa di Modica vada dispersa.

​​​​​​​​Partito Democratico ​​​​​​​​Circolo di Modica


interrogazione cons. Spadaro

Al sig. Sindaco del Comune di Modica

Al sig. Assessore all’urbanistica del Comune di Modica

Al Presidente del Consiglio Comunale di Modica

Oggetto: interrogazione a risposta scritta.

Parecchi cittadini mi hanno segnalato che in prossimità dell’impianto di rifornimento attiguo al cosiddetto “bivio Fiat” in c.da Cisterna Salemi, si sta costruendo un muretto di recinzione in cemento armato a ridosso della carreggiata della SS115 senza la realizzazione di un marciapiede per i pedoni al fine di garantirne la sicurezza. Già con una mia precedente interrogazione del sei agosto dello scorso anno avevo fatto rilevare la stessa problematica per un simile muro di calcestruzzo costruito su un’area privata poco distante da quella del nuovo manufatto e in quell’occasione l’Amministrazione con risposta del 28 agosto aveva dichiarato di essere intervenuta per la realizzazione di un marciapiede a carico della ditta incaricata dei lavori al fine di garantire la sicurezza dei pedoni. Chiedo quindi a codesta Amministrazione quali criteri sono stati adottati per concedere le autorizzazioni amministrative per l’opera in questione e se tra questi vi sia la previsione della messa in sicurezza dei pedoni con la realizzazione del marciapiede a carico della ditta privata. Si confida in una celere risposta scritta.

Modica 26.02.2021

Il consigliere comunale PD Giovanni Spadaro

Dimissioni Poidomani

Come partito democratico di Modica ci rammarichiamo delle dimissioni del consigliere Salvatore Poidomani perché riteniamo che, in quanto candidato che alle scorse elezioni si contrappose all’attuale sindaco, egli rappresentava qualcosa in più di un singolo componente dell’attuale minoranza. A nostro avviso il consiglio comunale perde uno dei pezzi più importanti così come l’esercizio della democrazia nella nostra città che è già gravemente compromesso con la condotta dell’attuale amministrazione...Leggi di più

Aiuti alle famiglie bisognose. Si rischia di perdere i fondi regionali

Con DDG 21_19 del primo febbraio 2021 la Regione Siciliana ha assegnato ai comuni dell’isola un ulteriore tranche di finanziamento per l’emergenza socio sanitaria creata dal Covid_19. Si tratta di somme che gli enti locali potranno utilizzare per buoni spesa per prodotti di prima necessità o pagamento di utenze o canoni di locazione. Per il comune di Modica, come da tabella allegata al decreto, sono previsti 325.608,00 euro. Condizione necessaria e sufficiente per ottenere il trasferimento di questa somma è che “... i Comuni abbiano proceduto a caricare sulla piattaforma almeno il 50% delle somme anticipate in quota PO FSE 2014/2020 e abbiano richiesto la quota POC 2014/2020” ossia che il Comune abbia provveduto a rendicontare online su una apposita piattaforma almeno il 50% delle somme già ottenute come prima tranche. Allo stato attuale nella provincia di Ragusa solo il Comune di Giarratana ( a guida Pd) ha provveduto all’adempimento richiesto e infatti con DDG 21-30 si provvede a liquidare a suo favore la somma prevista. Con rammarico non leggiamo nell’elenco dei comuni virtuosi anche quello di Modica e riteniamo che la nostra città non si può permettere il lusso di rinunciare a risorse economiche essenziali per i concittadini colpiti dall’emergenza economica causata dal Covid. Nel loro interesse, quindi, invitiamo l’amministrazione a porre riparo al più presto a questa grave disattenzione affinché questi fondi non vadano persi.

Diamo a Cesare ciò che è di Cesare

Nei giorni scorsi abbiamo avuto modo di vedere il Sindaco mostrarci i locali del Palazzo dei Mercedari con il Museo Etnografico ivi contenuto. Un bel tuffo nel passato di una realtà rimasta anche troppo tempo chiusa. Se in qualche modo si potrebbe anche apprezzare la volontà di ridare alla fruizione dei cittadini un suo gioiello, non si può accettare il tentativo dell’amministrazione di nascondere la propria polvere sotto il tappeto di altri ossia glissare sulle proprie responsabilità e, nello stesso tempo, appropriarsi di meriti altrui...Continua...



118 anni fa l'alluvione che sconvolse Modica

Erano le 4,40 del mattino, di quel terribile 26 settembre del 1902, quando la furia dell’acqua stravolse la vita di tante famiglie e dell’intera comunità modicana.

L’enorme mole di acqua e detriti provenienti dai torrenti Pozzo dei Pruni, Ianni Mauro e Santa Liberante trascinavano tutto ciò che incontravano travolgendo e portando via con se la vita di 112 modicani. L’indifferenza dell’allora governo Zanardelli fu compensata dalla solidarietà cittadina di tutta Italia.

 

Molte città italiane contribuirono notevolmente alla ricostruzione. Tra i tanti contributi i maggiori provennero dalle città di Milano e Palermo da qui la costruzione del quartiere “Milano-Palermo. Quella che viene ricordata la grande alluvione rimane per sempre una ferita aperta nelle coscienze dei modicani.

Oggi ricorre il 118 anniversario di quella tremenda notte. È trascorso più di un secolo ma nessuno ha ancora fatto i conti con le cause ambientali, morfologiche e di trascuratezza che determinarono quel disastro.

Oggi, a distanza di poco più di un secolo, è cambiato qualcosa?




Partito democratico Modica

Facciamo politica perché crediamo in un futuro migliore per la nostra città, mettendoci impegno e passione personale, senza ricevere nessun tipo di finanziamento se non quello dei nostri iscritti.

Sostieni il Pd di Modica

IT 05 P 05036 84482 CC 0191172024