La partecipazione è l'anima della democrazia

Pdmodica@gmail.com - info@pdmodica.it

La partecipazione è l'anima della democrazia

Pdmodica@gmail.com - info@pdmodica.it


https://tesseramento.partitodemocratico.it/


Sii protagonista anche tu

IL CORAGGIO DI NON CAMBIARE

Partito Democratico di Modica: la presenza attiva di Abbate in Comune lede la libertà della competizione elettorale, urgente il ripristino delle regole

 

La presenza attiva e costante in Comune di Ignazio Abbate, sindaco di Modica fino a poche settimane fa ed oggi candidato alle elezioni regionali, è una clamorosa violazione delle regole poste a presidio della libertà e della correttezza della competizione elettorale. La legge vieta che un Sindaco in carica possa essere contemporaneamente candidato alle elezioni regionali proprio per impedire che egli possa sfruttare il suo ruolo politico ed amministrativo, la presenza pubblica e la sua capacità decisionale per lucrare i favori dell’elettorato. Proprio per questo motivo, Ignazio Abbate si è dimesso da Sindaco ed è oggi candidato alle elezioni. Accade, però, che Abbate non solo presieda a pseudo inaugurazioni ed incontri pubblici con l’inedito ruolo di ex Sindaco insieme agli altri ex assessori, ma egli sia attivamente e costantemente presente negli uffici comunali per continuare ad influenzare le decisioni dell’Amministrazione Comunale. La circostanza è stata paradossalmente confermata in una intervista ad un giornale on line proprio dalla stessa Commissaria Ficano, nominata appunto in sostituzione del Sindaco ormai incompatibile, ma presente in Comune solo un giorno la settimana. La Commissaria, infatti, dopo avere dichiarato di non essere la pupilla di Abbate (exscusatio non petita est accusatio manifesta?), ha candidamente affermato di sollecitare e chiamare lei stessa l’ex Sindaco per averne consigli ed indicazioni e che d’altronde Abbate e gli altri ex assessori sono comuni cittadini ...Leggi tutto...

https://primariefe.skyvote.it/home

Interrogazione urgente di Ivana Castello

L'estate sta puzzando

Mentre la destra si lascia distrarre dal compito di Governare per sprecare energie accapigliandosi sulle candidature alle regionali, le strade delle nostre città e delle nostre campagne sono ridotte a discariche ed i turisti fuggono via” “La drammatica crisi dei rifiuti che stiamo vivendo è il frutto amaro di inefficienze, irresponsabilità ed approssimazione burocratica” “La Regione Siciliana ha varato nel 2021 un piano dei rifiuti basato su dati del 2018 e, quindi, del tutto inadeguato, mentre i previsti termovalorizzatori, anche per la decisione di non consentirne la realizzazione ai privati e quindi solo alle pubbliche amministrazioni, non saranno pronti prima del 2025”. “Nel frattempo i rifiuti dovrebbero essere abbancati nelle discariche siciliane, ma la Regione non riesce neppure a concludere i procedimenti amministrativi connessi alle richieste di nuovi impianti di smaltimento e d’altronde le SRR provinciali non hanno i soldi per spedire i rifiuti fuori dell’Isola: in tutto questo, mentre la destra litiga sulle candidature gli enti locali non sanno cosa fare, né come farlo e l’immondizia rimane nelle nostre strade e nelle nostre campagne esposta al sole di questa torrida estate”.Leggi tutto...

Interrogazione Ivana Castello

Al Commissario straordinario Dott.ssa Domenica Ficano

 

presso il Comune di Modica

Piazza principe di Napoli, 17 97015 Modica

 

Mitt. Ivana Castello Consigliere comunale del PD.

 

OGGETTO: situazione debitoria del Comune.

Egregio Commissario, faccio riferimento al nostro ultimo (ed unico) incontro, avvenuto il 27 giugno nella stanza del Sindaco, per precisare alcuni temi rimasti irrisolti e per chiederLe un chiarimento in ordine alla situazione debitoria del Comune. Certamente ricorderà che da più parti è stato osservato, riprendo l’argomento in estrema sintesi e senza intenzioni malevoli, che l’ex sindaco Abbate continua a circolare per le stanze del palazzo comunale e a dare disposizioni a taluni fedelissimi, in spregio alle leggi, per cui potrebbero insorgere strascici e conseguenze anche sulle prossime elezioni regionali. Potrebbe essere utile una vigilanza più accorta per evitare imprevisti e impedire si dica che lei, per definizione e notoriamente rispettosa delle leggi, sia stata nominata per assicurare un personaggio empatico all’ex primo cittadino. Ciò premesso avvio un paio di temi, su cui mi sono ripromessa d’intrattenerla. Il comune di Modica, come certamente sa, non naviga nell’oro. Non può dirsi, insomma, una città economicamente ricca. Semmai si volesse insistere nell’uso di quest’ultimo aggettivo, mi vien di dire che sia ricca di povertà, di debiti, di problemi e di personaggi, i quali ultimi son quasi sempre ambigui, perché realizzano ma quel che realizzano non persegue l’interesse della città ma specifici obiettivi… nemmeno tanto nascosti, che sono squisitamente personali. Oggi fare politica è sinonimo di realizzare sè stessi non realizzando, come sarebbe giusto, esclusivamente il bene pubblico. E’ naturale, dunque, Leggi tutto...

La Sicilia bellissima

“Sul ponte sventola la bandiera lilla”, “Modica città plastic free” etc. etc. Tutti ottimi slogan, perfetti per una campagna elettorale e per buttar fumo (tossico) negli occhi dei cittadini. Poi viene la triste realtà, quella che i cittadini vivono quotidianamente e che stride maledettamente con la propaganda politica comunale e regionale. La spazzatura che oggi invade e incombe sulle nostre strade è eloquente ed è a prova di qualsivoglia confutazione. Essa rappresenta la propaganda di ritorno: l’immagine, quella della monnezza, dà un’idea della politica, non attuata, da parte di una classe dirigente incapace di progettare un futuro che non sia diverso dal proprio tornaconto personale. Le beghe politiche di questi giorni, che in sostanza sanciscono lo Stato fallimentare del governo Musumeci e della classe politica che lo sostiene, ne è prova diretta e ci dice in quali mani si trova il popolo siciliano: politici che anziché risolvere problemi sociali discutono del loro avvenire. Comprendiamo le difficoltà enormi nel poter dialogare con amministratori prigionieri del proprio ego personale e allergici ad un qualsivoglia confronto collegiale, a maggior ragione con gli organi istituzionali provinciali (e noi modicani ne sappiamo qualcosa) ma ciò non giustifica lo stato di degrado igienico ambientale e il fetore che i cittadini sono costretti a subire. E per noi modicani c’è in più la beffa finale di avere le bollette più costose della Sicilia. La nostra terra era già bellissima, con un tocco di classe l’hanno resa sporchissima. Il circolo cittadino del PD di Modica

Parte oggi una grande avventura. Parte oggi il nostro futuro. Parte oggi la nostra speranza. Un grande in bocca al lupo all’avvocato Stornello da tutto il Pd Modicano

Cercasi acqua

La crisi sanitaria, quella energetica ed alimentare stanno mettendo a dura prova il tessuto economico e produttivo di Modica. Tanto per non farci mancare niente, ci si mettono pure i problemi nostrani ovvero la mancata erogazione di acqua potabile nelle campagne di Modica e in alcuni popolosi quartieri. Non comprendiamo le varie vicissitudini che affliggono l’ente consortile e che si ripercuotono tutte sulla cittadinanza inerme. Per questo, il circolo modicano del Partito Democratico ha voluto investire della problematica l’onorevole Nello Di Pasquale il quale, a sua volta, ha presentato un’interrogazione parlamentare presso l’Assemblea regionale siciliana (vedi allegato). Leggi tutto...

Ammuccia ammuccia ca tuttu pari

L'art. 6, comma 3, della L.R. 30/2000, dispone che " le nomine fiduciarie demandata ai Sindaci...decadono nel momento della cessazione del mandato del Sindaco..." Deve ritenersi, come del resto ha chiarito il C.G.A di Palermo, che la cessazione del mandato del Sindaco "travolge tutte le nomine di rappresentanti del comune presso altri enti effettuate dallo stesso durante il mandato elettivo". A Modica invece, e non poteva essere altrimenti, si continua sulla falsa riga dell’età Ignaziana ove la legittimità degli atti pubblici non era subordinata alle leggi dello Stato ma al supremo giudizio discrezionale del sindaco stesso, oggi dimissionario sulla carta ma stabilmente al comando nella realtà. JSe nutriamo dei notevoli dubbi sulla legittimità della carica onoraria dell’attuale presidente in quanto, secondo legge, avrebbe dovuto decadere nell’istante stesso delle dimissioni del sindaco, ci appare alquanto surreale e allo stesso tempo provocatoria, per usare un eufemismo, l’elezione (non si sa da chi) del comitato scientifico del museo “Serafino Amabile Guastella” di Modica, già famoso, sempre per gli stessi motivi, alle cronache mondane ancora prima del suo atto di nascita. Leggi tutto

D-Daje

Finalmente il D-day è arrivato. In materia di bilancio, in nove anni l’amministrazione uscente non è riuscita a far uscire il Comune di Modica dallo stato di ente strutturalmente deficitario con tutte le conseguenze che ne derivano tra le quali, ricordiamo, l’impossibilità di assumere dirigenti o intervenire su settori con carenze di personale come, ad esempio, il corpo di Polizia Municipale. Abbate proclama di aver lasciato i conti in ordine: sarà il commissionario straordinario a dover sollevare i tappeti e far riemergere la drammatica realtà debitoria che il sindaco uscente ha incrementato e occultato. Sul piano delle opere pubbliche si registra lo zero assoluto o quasi: poche le opere pubbliche progettate dalle precedenti amministrazioni che sono state portate a compimento e nessuna nuova grande opera pubblica degna di tal nome progettata. Le edicole cimiteriali private rimangono ancora transennate e inibite ai parenti dei defunti, il polo commerciale attende ancora dopo nove anni di essere completato e così come il contratto di quartiere dimenticato in qualche ammuffito cassetto. ...Leggi tutto

Partito Democratico

Circolo di Modica

Sgamature

Con il nostro comunicato stampa di giorno 28 c.m. avevamo chiesto al sindaco di Modica di fare chiarezza sulle voci relative alle sue dimissioni dalla carica. Il Sindaco ha risposto non con una nota ufficiale, come pure il rispetto del ruolo rivestito avrebbe consigliato se non preteso, ma nel corso di un’intervista. Le sue parole, tuttavia, non lasciano adito a dubbi o a possibili fraintendimenti:” Quando deciderò di dimettermi da sindaco lo dirò alla città e convocherò una conferenza stampa”. Chiarezza quindi pareva fatta ma, a distanza di poche ore, è arrivata la nota del segretario generale del Comune che, in risposta alla richiesta del nostro consigliere comunale Spadaro, ha confermato invece l’avvenuta presentazione al protocollo del Comune delle dimissioni del Sindaco......Leggi tutto

La grande fuga

Da giorni circola insistentemente la voce che il Sindaco di Modica si è dimesso in gran segreto. Il nostro consigliere Giovanni Spadaro il 26 c.m. ha presentato una richiesta di chiarimenti urgente al presidente del Consiglio Comunale e al segretario generale del Comune e ieri, nel perdurare del silenzio, una seconda richiesta indirizzata ancora al segretario generale e all’assessorato enti locali della Regione Siciliana. Annotiamo che il Consiglio Comunale già convocato per la serata del 26 aprile (e dove già si potevano avere delle risposte), è stato improvvisamente rinviato a data da destinarsi e prendiamo atto che ancora nessuna risposta è pervenuta.....Leggi tutto

Cittadinanza onoraria alla Segre

Esprimiamo il nostro compiacimento per la cittadinanza onoraria di Modica conferita alla senatrice Liliana Segre. Si conclude un percorso iniziato a dicembre con la presentazione di una apposita mozione che ha visto il nostro consigliere Giovanni Spadaro primo firmatario e che è stata da lui illustrata in Consiglio Comunale ringraziando tutti i cittadini e le associazioni che avevano già espresso la loro volontà in tal senso. Il conferimento della cittadinanza avviene con l’approvazione di un atto predisposto qualche giorno prima dall’amministrazione sul quale sono confluiti i voti unanimi dei componenti del Consiglio perché l’importanza del tema non consente inutili strumentalizzazioni e sterili polemiche su come si è pervenuti alla decisione finale. Ciò che conta, infatti, è il conferimento della cittadinanza onoraria e il significato che esso assume: non solo permanente condanna del razzismo e di ogni forma di discriminazione ma anche impegno a non restare “indifferenti” dinanzi al male e, in generale, a ogni forma di illegalità. Questo è l’impegno che il Consiglio Comunale di Modica a nome di tutti i cittadini si è preso e noi auspichiamo, assicurando il nostro apporto, che vada sempre più rafforzandosi.
Partito Democratico ​​​​​​​​Circolo di Modica

Interrogazione consiliare G. Spadaro

Al Presidente del consiglio comunale di Modica

Al sig. Sindaco del comune di Modica

Agli organi di stampa Oggetto: manutenzione ponte tra via Michele Pulino e via Duca d’Aosta

Il sottoscritto consigliere comunale ha riscontrato che le condizioni strutturali (come da foto allegate) del ponte tra via Scala e via Duca d’Aosta sono veramente pessime con il rischio che, aggravandosi dette condizioni, si arriverà alla sua chiusura. Ciò con evidenti disagi per i residenti che transitano da quel ponte essendo una importante via di transito del quartiere. Con la presente interrogazione chiedo al Sindaco se sono già previsti lavori di ristrutturazione e la relativa tempistica di esecuzione, o, in mancanza, se non ritenga indispensabile e urgente predisporre un progetto esecutivo per la risoluzione del problema. Confido in una celere risposta scritta e/o che la presente interrogazione sia discussa al primo consiglio comunale utile. Guarda tutte le immagini

Modica, 14.02.2022

Il Consigliere comunale PD Modica

Giovanni Spadaro

Piccoli Draghi

Leggiamo sulla stampa locale di una manovra espansiva dell’amministrazione comunale di Modica e della sua maggioranza consiliare per il tramite della leva tributaria: un milione di euro e passa di riduzione di balzelli comunali per ditte e imprese modicane oltre a un cospicuo aiuto per gli interessi bancari da queste pagati sui prestiti ed esposizioni bancarie. Leggi di più...

 

 

Le finalità elettive

È ben nota la nostra posizione sulla totale inettitudine dimostrata dalla attuale amministrazione comunale di Modica nella vicenda relativa al piano regolatore che vede gran parte del territorio classificato come zona verde agricola e, in generale, sulla mancanza totale di una visione di sviluppo da tradurre in scelte urbanistiche lungimiranti. Così come ormai da tempo denunciamo lo spirito di perenne campagna elettorale posto a fondamento di ogni scelta amministrativa operata dalla giunta Abbate. Eppure, leggendo la sentenza del T.A.R. di Catania con la quale si annulla la delibera di Giunta n. 208 del 29.09.2020 e la delibera del Consiglio comunale n. 61 del 12.11.2020 riusciamo ancora a meravigliarci di come oggi a Modica sia possibile asservire l’interesse pubblico a quello privato senza che gli organi di controllo di legittimità e legalità interni ed esterni al Comune intervengano, costringendo così i cittadini ad affrontare a proprie spese i necessari giudizi per il ripristino della legalità. Con la delibera di Giunta n. 208 del 2020 e successiva delibera del Consiglio Comunale n. 61 del 12.11.2020, su richiesta di un privato, si era dato mandato all’ufficio tecnico comunale di redigere una variante al P.R.G. e, allo stesso tempo - senza neanche attendere l’esito dell’iter di approvazione della variante - di rilasciare un titolo edilizio “temporaneo” affinché il privato in questione potesse costruire opere altrimenti abusive...Leggi tutto

Morti e mortacci

Al Sindaco del Comune di Modica Al Presidente del Consiglio Comunale di Modica Oggetto: interrogazione urgente a risposta scritta. Abbiamo appreso che a seguito di un incontro con i cittadini interessati, l’amministrazione comunale ha deciso di procedere ai lavori di messa in sicurezza delle edicole cimiteriali in danno delle confraternite inadempienti. Finalmente, quindi, l’amministrazione ha deciso di attuare quanto doveva fare già da tempo. Ci permettiamo soltanto di osservare che se si fosse proceduto prima le condizioni degli immobili interessati sarebbero state meno gravi di quelle attuali e quindi gli oneri di intervento, in prima battuta a carico del Comune salva la successiva rivalsa, sarebbero stati sicuramente inferiori. La nota dolente è data dalla seconda parte della notizia ossia che l’edicola “G. Di Vittorio” sia stata esclusa dal programma degli interventi di messa in sicurezza “in danno”...Leggi tutto

Apprendiamo con tristezza della scomparsa dell'Avv. Antonio Borrometi. Persona garbata e professionista di grande spessore culturale e umano, ci lascia il ricordo di un impegno politico da parlamentare dell'Ars, assessore regionale e parlamentare nazionale interamente speso per il bene comune. Il circolo di Modica del Pd esprime tutta la sua vicinanza alla famiglia in questo momento di dolore.

Partito Democratico

​​​​​​​​Circolo di Modica 

Il bilancio del bilancio

La fine di ogni anno, come consuetudine, ci mette di fronte ai bilanci delle cose fatte e di quelle non fatte. Anche il sindaco di Modica, in odore della prossima campagna elettorale regionale, non ha perso l’occasione di elencare tutte le cose buone fatte dalla sua amministrazione...leggi tutto

Non si Usca un tampone

Era abbastanza prevedibile che il ritorno della stagione invernale e le feste di fine anno avrebbero comportato un aumento dei contagi da Covid-19. La scoperta di diverse settimane fa della velocità di trasmissione della variante “omicron” non ha fatto altro che trasformare questa prevedibilità in una certezza. Prevedibile certezza per tutti tranne per chi, l’autorità sanitaria regionale, chiamata a programmare le dovute azioni per fronteggiare l’emergenza ha invece ritenuto di percorrere altre vie. E le altre vie sono state quelle di smantellare progressivamente il sistema degli hub vaccinali riducendone il personale costringendo così gli utenti volenterosi a file interminabili ed eliminando pure la possibilità di poter fare tamponi a tutto favore delle farmacie private che si vedono prese d’assalto. Leggi tutto...

Quello che le apparenze non dicono

alla cittadinanza, perché è giusto sapere...Leggi tutto

EVITIAMO LE PRESE IN GIRO


Leggere che le criticità del Pronto Soccorso dell’Ospedale ‘Maggiore di Modica’ si sono risolte, come da recente dichiarazione del Sindaco Abbate, ci sembra non solo una presa in giro ma anche un’offesa nei confronti dei tantissimi pazienti che si sono finora trovati a fare file e attese interminabili, subendo disagi e disservizi che ormai tutti conosciamo. Abbate, al solito, prova a far credere ai cittadini che con un tocco di magia sono state superate tutte le difficoltà che i vertici dell’Asp, nonostante la loro competenza, non sono riusciti ancora a risolvere.Leggi tutto

Cordoglio

Maltempo a Modica, il nostro cordoglio alle vittime del disastro....Leggi qui

Loculescion

Nei giorni passati avevamo invitato l’Amministrazione comunale a riunire attorno a un tavolo i rappresentanti delle edicole cimiteriali chiuse perché “messe in sicurezza” nonché le forze politiche presenti in consiglio comunale per trovare una soluzione condivisa che risolvesse una volta per tutte il problema dell’impossibilità per i cittadini di poter visitare i loro cari defunti. Apprendiamo che l’Amministrazione, in occasione della Commemorazione dei defunti, ha preferito “tirare a campare” disponendo la riapertura per pochi giorni delle edicole chiuse perché insicure fatta eccezione per quella del “G. Di Vittorio”. ..Leggi tutto

Finché Loculo non ci separi

Ogni anno arriva la commemorazione dei defunti e per il cimitero di Modica diventa sempre più grave l’annoso problema della inagibilità di diverse edicole di confraternite e dell’avanzato degrado di altre.

La manutenzione spetta per legge ai proprietari o alle confraternite esattamente come ai condomini per civili abitazioni; il Comune può intervenire per delimitare le zone di pericolo e intimare ai proprietari la messa in sicurezza procedendo, in caso di mancato assolvimento dell’obbligo, “in danno” ossia ingiungendo agli inadempienti i costi dei lavori necessari......leggi tutto

 

Proprietà transattive

Interrogazione urgente della consigliera Ivana Castello su un debito fuori bilancio

Leggi tutto......

Interrogazione di Ivana Castello

Mitt. Ivana Castello Consigliere comunale del PD Egregio Sindaco Ignazio Abbate Sua sede in piazza principe di Napoli 97015 Modica (RG) OGGETTO: Decreto legge n. 73/2021, art. 52, comma 1. Misure di sostegno all'equilibrio di bilancio degli enti locali: interrogazione urgente. Le sono certamente note le vicende che hanno riguardato e riguardano l’impiego degli strumenti di riequilibrio finanziario a favore degli enti locali. Mi riferisco alle somme che a suo tempo furono erogate dallo Stato mediante l’articolo 1, comma 13, del decreto legge n. 35/2013 (Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione e per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali) e ex Decreto legge 19 maggio 2020 n. 34. In virtù di tali decreti il Comune di Modica ha avuto assegnati 64 milioni nel 2013 e 44 milioni di euro nel 2020. Non mi dilungo nei dettagli, ma si trattava di somme chieste in base a due precise masse debitorie del nostro Comune. Andavano, dunque, impiegate per supplire alle relative carenze di liquidità. In breve: innanzi ad una specifica massa debitoria e alla mancanza di liquidità da parte delle Amministrazioni, fu istituito, presso il Ministero dell'interno, un Fondo per andare incontro agli enti territoriali che soffrivano o, con riferimento al presente, soffrono, di cronica mancanza di liquidità. In quelle condizioni era indiscutibile intervenire. ....Leggi tutto

Allarme randagismo

Leggiamo di un branco di cani randagi che oltre ad aggirarsi indisturbato nelle campagne di Scicli crea dei danni agli allevatori locali in quanto aggredisce le loro greggi. Pare che non abbiano avuto alcun esito le segnalazioni fatte agli organi competenti. Leggi tutto..

De Amicis come prima

La notizia della previsione di sole tre classi prime per 89 alunni alla scuola secondaria di primo grado “De Amicis” di Modica Alta non è affatto piacevole. Confidiamo sulla richiesta da parte del dirigente scolastico dell’applicazione della normativa vigente in materia di misure di contrasto al Covid e che quindi si arriverà allo sdoppiamento delle classi evitando l’effetto “pollaio”....Continua...

I scecchi abbolunu

A Modica AUMENTA ancora la tassa sui RIFIUTI. L’operosità dei modicani nel raggiungere una percentuale superiore al 60% di raccolta differenziata è stata premiata con il primato delle TASSE più ALTE della Sicilia.

IGM ATTO III

interrogazione urgente della consigliera Castello sull'ennesimo mancato pagamento stipendiale degli operatori ecologici modicani.

qui di seguito l'intero testo........leggi tutto

Saldi di fine stagione

Da oggi a Modica i certificati anagrafici possono essere richiesti anche dal tabaccaio al “modico” prezzo di due euro. Bene, ottima iniziativa: molte persone che non possono per diversi motivi recarsi al comune, tra un gratta e vinci e un biglietto della lotteria potranno accedere ai servizi dell’anagrafe comunale. D’altronde, appare ovvio che nella città dove si pagano le più alte imposte e tariffe della Sicilia, e forse dell’Italia, anche questi servizi vengano delegati ai privati, aggiungendo ulteriori costi alle economie familiari...Leggi tutto

Paura eh?

La Castello, dopo l’ennesima e intollerabile arroganza di questa amministrazione e maggioranza, si rivolge alla Procura della Repubblica. Nell’ultimo consiglio comunale di Modica si è consumata l’ennesima prepotenza e arroganza della maggioranza consiliare, e della loro presidente, che, evidentemente, ha una sproporzionata paura della democrazia e della discussione politica. Alla Consigliera Castello, per soli 7 minuti di ritardo, è stato impedito di discutere due interrogazioni consiliari che trattavano , oltretutto, due argomenti importanti: un debito verso la banca IFIS e le problematiche riguardanti il personale dell’igiene Urbana che rivendica il ritardo di DUE MESI, non gli intollerabili sette minuti per intenderci, dei pagamenti stipendiali. Ebbene sì, prendiamo atto che questa amministrazione e i suoi accoliti non tollerano assolutamente i ritardi e questo ci fa ben sperare per i fornitori, le aziende, le banche, i lavoratori, i comuni, le finanziarie, le cooperative, lo Stato, la cdp e tutti coloro che almeno una volta hanno avuto a che fare economicamente con il comune di Modica e che ancora aspettano di essere rimborsati degli oltre CENTO MILIONI di EURO dei loro crediti.

Blututt

Entrerà in vigore il 14 giugno il nuovo editto emesso dal sindaco: per chi utilizza gli stalli con strisce blu viene reintrodotto il tempo di tolleranza di dieci minuti estensibili a trenta per i disabili e la possibilità per i residenti del centro storico, non proprietari di box auto, di stipulare un abbonamento dal costo mensile di 50 euro. Sembrerebbe un passo indietro da parte del sindaco dopo le proteste di tutti i cittadini ma di fatto non lo è perché gli stalli a strisce blu non diminuiscono di numero e nulla si dice sull’apertura del parcheggio di viale Medaglie d’Oro o sui bus navetta. Continua..

Se amate la città, dimettetevi.

Qualche mese fa commentavano le dimissioni del consigliere Poidomani e di quanto fosse diventato superfluo svolgere l’attività di consigliere comunale a Modica. Una figura, quella del consigliere, sminuita enormemente dalle leggi dello Stato e resa prepotentemente inutile dall’attuale sindaco. Restiamo convinti che nel nostro paese la lotta democratica abbia un valore fondamentale e crediamo che anche a Modica debba essere così. Il voto dei cittadini nelle ultime elezioni comunali ha dotato l’attuale amministrazione di una maggioranza plebiscitaria in seno al consiglio e ha posto ai margini l’attività politica delle minoranze. .continua

Il nostro contributo al vademecum del segretario Letta

Anche il partito democratico di Modica ha voluto contribuire con le proprie considerazioni e proposte  al nuovo percorso del segretario Letta

Vademecum PD ...leggi le nostre proposte



118 anni fa l'alluvione che sconvolse Modica

Erano le 4,40 del mattino, di quel terribile 26 settembre del 1902, quando la furia dell’acqua stravolse la vita di tante famiglie e dell’intera comunità modicana.

L’enorme mole di acqua e detriti provenienti dai torrenti Pozzo dei Pruni, Ianni Mauro e Santa Liberante trascinavano tutto ciò che incontravano travolgendo e portando via con se la vita di 112 modicani. L’indifferenza dell’allora governo Zanardelli fu compensata dalla solidarietà cittadina di tutta Italia.

 

Molte città italiane contribuirono notevolmente alla ricostruzione. Tra i tanti contributi i maggiori provennero dalle città di Milano e Palermo da qui la costruzione del quartiere “Milano-Palermo. Quella che viene ricordata la grande alluvione rimane per sempre una ferita aperta nelle coscienze dei modicani.

Oggi ricorre il 118 anniversario di quella tremenda notte. È trascorso più di un secolo ma nessuno ha ancora fatto i conti con le cause ambientali, morfologiche e di trascuratezza che determinarono quel disastro.

Oggi, a distanza di poco più di un secolo, è cambiato qualcosa?




Partito democratico Modica

Facciamo politica perché crediamo in un futuro migliore per la nostra città, mettendoci impegno e passione personale, senza ricevere nessun tipo di finanziamento se non quello dei nostri iscritti.

Sostieni il Pd di Modica

IT 05 P 05036 84482 CC 0191172024